Gatto e boli di pelo = non c’è uno senza l’altro

Gatto e boli di pelo = non c’è uno senza l’altro

Il gatto intento a leccarsi il mantello o a pulire l’amico è ipnotico per la sua bellezza; maniacale è la cura di sé, il che lo rende un abitante ideale per gli appartamenti, soprattutto nelle grandi città. Purtroppo questa attività nasconde un’insidia, che ogni padrone può dover affrontare nel corso della convivenza con il proprio compagno felino: le famigerate “PALLE DI PELO”, tecnicamente definite tricobezoari. Il gatto infatti, proprio perchè amante per antonomasia della pulizia e dell’igiene, passa gran parte della sua giornata a leccarsi; questa operazione chiamata “grooming”, serve al gatto per eliminare sporcizia e residui dal mantello.

Chiaramente i gatti che trascorrono la maggior parte del loro tempo tra le mura domestiche dedicano molto più tempo a questa attività per combattere la noia e trascorrere il tempo in un’attività rilassante. Questa situazione e i lunghi mantelli che hanno alcune razze feline, sono importanti fattori di rischio e sono causa per il gatto di ingestione di notevoli quantità di pelo.

La formazione di boli compatti, dalle forme più o meno allungate, che si generano a seguito dell’ingestione prolungata e continua del pelo durante le quotidiane procedure di pulizia, è quindi un evento normale. Questi si formano nello stomaco e via via diventano sempre più compatti e grandi, fino a che la stimolazione della bocca dello stomaco provoca conati di vomito che consentono di espellere il materiale in modo spontaneo e naturale. In questi casi si potrà vedere il gatto tossire, contraendo l’addome e facendo una serie di versi strozzati e allungando il collo per espellere delle matasse grigiastre. Tuttavia in caso di maggiore ingestione di pelo, come nei casi sopra riportati, queste matasse sono troppo voluminose per essere espulse e permangono nello stomaco o passano nell’intestino per essere eliminate con le feci. Anche in questo caso, se troppo grandi, non riescono ad avanzare lungo il tubo digerente e possono provocare occlusioni intestinali totali o parziali, che provocano casi di stipsi acuta o cronica. Queste situazioni sono molto serie per la salute del gatto, per cui è possibile debbano essere sottoposti ad interventi chirurgici per la rimozione di questi boli costipati lungo il tratto intestinale.

Per prevenire queste spiacevoli condizioni è necessario mettere in atto una serie di importanti accorgimenti: spazzolare tutti i giorni il mantello del proprio gatto con apposite spazzole, pettini o guanti rimuovi pelo; evitare la noia eccessiva fornendo giochi o proponendo attività divertenti. Anche con l’alimentazione è fondamentale gestire il fenomeno, selezionando prodotti per il gatto che contengano ingredienti funzionali ricchi di fibra di pisello, per ridurre il rischio di formazione delle palle di pelo.

La fibra di pisello è riconosciuta stimolare il transito intestinale, facilitando quindi l’espulsione dei boli con le feci, grazie alla sua ricchezza di fibra alimentare soprattutto insolubile, in grado inoltre di assorbire molta acqua e contrastare allo stesso tempo la costipazione e l’intestino pigro.
Gheda Petfood con l’impegno di prendersi cura dei gatti con questa predisposizione ha realizzato 2 diversi alimenti, permettendo loro di condurre una vita tranquilla senza preoccupazione: Wellcat Adult In-Home/Sterilized e KIRAmore Special Care Hairball.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *