L’autunno e le difese immunitarie

L’autunno e le difese immunitarie

L’ autunno è una stagione che regala grandi colori caldi durante la caduta delle foglie, ma porta anche l’abbassamento delle temperature climatiche e le difese immunitarie naturalmente possono risentirne negativamente. Il fenomeno stagionale di riduzione della competenza immunitaria è comune sia a noi che ai nostri cari animali domestici e si palesa attraverso la comparsa di quelle che sono generalmente chiamate patologie condizionate. Infatti lo squilibrio che si viene a creare rende più semplice agli agenti infettivi, che normalmente non sono in grado di provocare forme morbose, determinare enteriti transitorie, congiuntiviti, riniti ed altre alterazioni che coinvolgono le vie respiratorie.

Esistono prodotti immunostimolanti per potenziare l’immunità ed indurre un rafforzamento del sistema immunitario di durata variabile e non specifico verso un particolare antigene. Storicamente molti batteri sono stati utilizzati come immunostimolanti, promuovendo la produzione anticorpale e aumentando la resistenza aspecifica alle infezioni batteriche. Altri immunostimolanti possono derivare da mediatori naturali del sistema immunitario, come l’interferone. Infine sono presenti anche carboidrati complessi come zymosan, glucano, destrano solfato e lentinans che possono attivare i macrofagi.

In commercio sono disponibili composti naturali per aumentare le difese immunitarie del proprio animale:

· l’Acemannon è un polimannosio a lunga catena estratto dall’Aloe vera (barbadensis) che stimola i macrofagi, induce la produzione di citochine e inoltre rinforza l’immunità cellulare. Oltre ad avere azione immunostimolante contiene un’alta percentuale di vitamine, amminoacidi e minerali che agiscono come ricostituenti. Il succo d’aloe ha effetti positivi negli animali; tuttavia è preferibile chiedere consiglio al proprio veterinario prima di somministrarlo.

· gli Arabinogalattani contenuti nel legno delle piante di larice sono sostanze con un potenziale terapeutico legato agli effetti positivi sul sistema immunitario. Infatti essendo immunostimolanti, diminuiscono la suscettibilità alle aggressioni esterne da patogeni opportunisti. Studi condotti sui cani confermano queste proprietà, dimostrando che gli Arabinogalattani aumentano le concentrazioni sanguigne delle cellule immunitarie.

· i Carotenodi (luteina, β-carotene, astaxantina) sono un gruppo di sostanze con potenti capacità antiossidanti, che direttamente o indirettamente aumentano la risposta immunitaria sia umorale che cellulo-mediata. Infatti si osserva un miglioramento della risposta ai vaccini, una maggiore capacità linfo-proliferativa, un innalzamento delle concentrazioni ematiche di anticorpi ed un aumento dell’attività citotossica delle cellule immunitarie. Somministrazioni adeguate di queste sostanze forniscono quindi un’adeguata protezione immunitaria in condizioni debilitanti, come lo stress o durante l’invecchiamento.

· il Ginseng (Panax ginseng) rappresenta un rimedio che deriva dalla medicina orientale. Tra gli effetti benefici c’è anche il rafforzamento della funzionalità immunitaria, legato principalmente all’aumento dell’attività delle cellule immunitarie fagocitiche.

autunno-toysadult· le vitamine E e C sono potenti composti antiossidanti, conosciute e studiate da molto tempo, i cui effetti di rafforzamento delle difese immunitarie sono ben noti e confermati da numerosissimi studi clinici, che hanno testato la  loro indubbia efficacia.La loro azione è sinergica, dato che si completano a vicenda potenziando i rispettivi effetti positivi; la vitamina E infatti, vista la sua affinità lipofila, protegge esternamente le cellule localizzandosi nelle membrane cellulari mentre la vitamina C si trova internamente nell’ambiente cellulare e rigenera la vitamina E quando questa si esaurisce. Le cellule del sistema immunitario sono esposte più di tutte allo stress ossidativo dei radicali liberi dell’ossigeno e l’azione combinata delle due vitamine rafforza le difese immunitarie, riducendo significativamente i danni a suo carico che potrebbero influenzare negativamente la sua efficacia. Gheda petfood ha pensato al benessere dei cani toy, che sono tra le razze canine maggiormente sensibili allo stress. Gheda petfood ha quindi realizzato il prodotto “Proper Form & Temper Mesomorphic Toys” per cani adulti, l’alimento secco super-premium con quantitativi elevati, garantiti, specifici e testati di queste due vitamine, che formano un complesso unico antiossidante per rinforzare significativamente il sistema immunitario.

autunno-activelife· le Antocianine racchiudono un numeroso gruppo di sostanze ad azione antiossidante, che riducono i danni ossidativi causati dai radicali liberi, garantendo molteplici benefici per le funzioni fisiologiche dell’organismo. Tra gli effetti provati per la salute ricordiamo brevemente: la riduzione della permeabilità capillare; il miglioramento della capacità visiva; gli effetti detossificanti a carico di cuore, reni e fegato; il miglioramento della sensibilità all’insulina in soggetti diabetici; la prevenzione dello stress psico-fisico. Le Antocianine in natura si trovano nella frutta o nella verdura, ma la fonte più ricca in assoluto è il Mirtillo Nero, che contiene anche le Antocianine più potenti.       Gheda petfood ha studiato tutti gli effetti benefici delle Antocianine e ha realizzato il prodotto “Wellcat – Adult Active Life”, alimento super-premium secco per gatti. L’alimento contiene proprio l’estratto secco concentrato di mirtillo nero, fino a 40 volte più ricco di Antocianine rispetto al mirtillo fresco. L’alimento è particolarmente indicato per quei gatti che fuggono dallo stress e che vivono la vita sempre al 100% spesso a contatto con altri simili anche all’esterno delle mura domestiche, curiosi e spericolati per natura, ma che sono attenti al mantenimento duraturo della propria omeostasi psico-fisica.

 

ACCORGIMENTI PER L’AVVICINARSI DELLA STAGIONE FREDDA

I cani e i gatti abituati a stare in casa a temperature costanti vicine alla propria zona di termoneutralità potrebbero avvertire un certo fastidio ad uscire durante le giornate ventose senza un’adeguata copertura come un maglioncino o un cappottino, che riducono sensibilmente la possibilità di prendere colpi di freddo. Questo accorgimento è particolarmente importante per i soggetti appartenenti alle razze più sensibili fisicamente, come quelle a pelo corto o raso. Pertanto dovranno sempre essere coperti prima di ogni uscita anche breve per prevenire fastidiosi malanni. I locali destinati al ricovero dell’animale dovrebbero essere muniti di spesse imbottiture sul pavimento, come ad esempio pesanti cuscini, e morbide coperte nella cuccia per creare un isolamento termico adeguato. Il cambiamento delle condizioni climatiche inoltre comporta anche adeguamenti dei fabbisogni nutrizionali. Il freddo infatti causa un maggior consumo energetico da parte dell’animale per mantenere costante la temperatura corporea. Pertanto in questo periodo è preferibile passare ad un alimento dotato di una maggiore densità energetica, quindi caratterizzato da un maggior apporto di grassi. In alternativa è possibile adattare la razione giornaliera, aumentandola fino al punto in cui si mantiene il peso corporeo ideale. Inoltre è importante adottare piccoli accorgimenti pratici per la somministrazione: se l’animale consuma cibo umido è opportuno riscaldare qualche cucchiaio d’acqua da mescolare all’alimento per portarlo alla temperatura ideale, prossima alla temperatura corporea.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *